31 gennaio, 2020

Principali eventi astronomici del 2020

Principali eventi astronomici


Equinozi e solstizi

Il cambiare delle stagioni è determinato da questi fenomeni che distano tra loro circa tre mesi. I due equinozi segnano l’inizio della primavera e dell’autunno. La parola deriva dal latino “equinoctis”, cioè, “notte uguale al giorno”, per cui, in questi due momenti dell’anno, in tutti i punti del nostro pianeta ci sono 12 ore di luce e la stessa quantità di ore di buio.


I due solstizi, d’estate e d’inverno, indicano il giorno in cui l’emisfero nord e quello sud della Terra, ricevono rispettivamente il massimo e il minimo numero di ore di luce solare dell’anno.

20 Marzo  Equinozio di primavera
20 Giugno Solstizio d’estate 
22 Settembre Equinozio d’autunno
21 Dicembre Solstizio d’inverno

Piogge meteoriche

Ogni anno, circa nella stessa data, avviene questo fenomeno, conosciuto anche come “stelle cadenti”. Ciò accade perché la Terra attraversa la stessa zona di spazio tutti gli anni. Infatti, uno sciame meteorico avviene quando, nel suo moto di rivoluzione intorno al Sole, il nostro pianeta attraversa l’orbita di una cometa o di un asteroide che ha lasciato una scia di detriti. 

Sono questi detriti a bruciare nell'atmosfera e a regalarci le spettacolari scie luminose. Gli sciami più famosi sono le Leonidi, le Geminidi, le Perseidi e le Quadrantidi.

3,4 gennaio: Le Quadrantidi, con un massimo di 40 meteore all'ora, si pensa che siano prodotte da granelli di polvere lasciati da una cometa estinta, conosciuta come EH1 2003. La migliore visione sarà da una posizione buia dopo la mezzanotte.
22,23 aprile: Le Liridi, con una media di 20 meteore allora, sono prodotte da particelle di polvere lasciate dalla cometa C / 1861 G1 Thatcher. Il nostro satellite, quasi nella fase di Luna Nuova, assicurerà cieli bui garantendo un bello spettacolo dopo la mezzanotte.
6,7 maggio: Le Eta Aquaridi sono in grado di produrre fino a 60 meteore all'ora. La maggior parte della loro attività è vista nell'emisfero australe. Nell'emisfero settentrionale, la velocità può raggiungere circa 30 meteore all'ora. È prodotto da particelle di polvere lasciate dalla cometa Halley, conosciuta e osservata sin dai tempi antichi. La quasi Luna piena lascerà intravedere solo i meteoriti più luminosi.
28,29 luglio: Le Delta Aquarii possono produrre fino a 20 meteore all'ora. Questa pioggia è prodotta dai detriti lasciati dalle comete Marsden e Kracht. La luna del secondo quarto bloccherà molte delle meteore più deboli. Le meteore si irradieranno dalla costellazione dell’Acquario, ma possono apparire ovunque nel cielo.
12,13 agosto: Le Perseidi sono una tra le più belle piogge meteoriche da osservare, producendo fino a 60 meteore all'ora al massimo. È prodotto dalla cometa Swift-Tuttle. Il secondo quarto di luna bloccherà alcune delle meteore più deboli, ma le Perseidi sono così luminose e numerose che dovrebbe essere ancora un bello spettacolo. La migliore visione sarà da una posizione buia dopo la mezzanotte.
7 ottobre: Le Draconidi sono una pioggia di meteore minore che produce solo circa 10 meteore all'ora. È prodotto dai granelli di polvere lasciati dalla cometa 21P Giacobini-Zinner. I Draconidi sono insolite in quanto la visione migliore è in prima serata invece che al mattino presto, come la maggior parte delle piogge meteoriche.
21,22 ottobre: Le Orionidi producono fino a 20 meteore all'ora. Sono granelli di polvere lasciati dalla cometa di Halley. La mezzaluna crescente inizierà a mezzanotte, lasciando i cieli scuri per quello che dovrebbe essere un bello spettacolo. La migliore visione sarà da una posizione buia dopo la mezzanotte.
4,5 novembre: Le Tauridi sono una pioggia di meteore minore di lunga durata che produce solo circa 5-10 meteore all'ora. È insolito in quanto consiste in due flussi separati. Il primo è prodotto da granelli di polvere lasciati da Asteroid 2004 TG10. Il secondo flusso è prodotto dai detriti lasciati da Comet 2P Encke. Il primo quarto di luna farà intravedere solo le meteore più luminose.
17,18 novembre: Le Leonidi producono fino a 15 meteore all'ora. Questa pioggia è unica in quanto ha un picco ciclonico ogni 33 anni dove si possono vedere centinaia di meteore all'ora. L’ultimo di questi avvenne nel 2001. Le Leonidi sono prodotte dai granelli di polvere lasciati dalla cometa Tempel-Tuttle. La mezzaluna inizierà presto la sera, lasciando i cieli scuri per lo spettacolo.
13,14 dicembre: Le Geminidi sono la regina delle piogge meteoriche. È considerata da molti la migliore doccia del cielo, producendo fino a 120 meteore multicolori all'ora. È prodotta da detriti lasciati da un asteroide conosciuto come 3200 Phaethon, scoperto nel 1982. La luna quasi nuova assicurerà cieli bui per quello che dovrebbe essere uno spettacolo eccellente.
21, 22 dicembre: Le Ursidi sono una piccola pioggia di meteoriti che produce circa 5-10 meteore all'ora. È prodotto dai granelli di polvere lasciati dalla cometa Tuttle. Il primo quarto di luna dovrebbe sorgere poco dopo la mezzanotte, lasciando i cieli bui per quello che potrebbe essere un bello spettacolo.

25 ottobre, 2019

Luna in 16 mm

La Luna in 16 mm


Gubbio 24 ottobre 2019

Risultati immagini per proiettore 16 mmQuesta mattina, su richiesta del maestro Simone Zaccagni, siamo stati a Gubbio presso la Scuola Elementare in via Perugina per la rievocazione dello sbarco dell'uomo sulla Luna. Ha aperto l'incontro Marco Bagaglia con una proiezione multimediale delle fasi di atterraggio e della passeggiata sulla Luna. La mattinata è proseguita con Giorgio Carlani che, grazie al proiettore da 16 mm della nostra associazione, ha fatto tornare i ragazzi indietro nel tempo e vedere il funzionamento del videoproiettore. Di fatto ha mostrato anche come i loro “nonni” guardavano filmati e documentari ai loro tempi. La proiezione è consistita nella riproduzione di una “pizza” risalente al 1966 che mostrava il nostro satellite. Al termine di ogni proiezione si è aperto un dibattito con i ragazzi (3°,4°,5° elementare).





Una nota positiva: ci dobbiamo assolutamente complimentare con i docenti per il comportamento dei giovanissimi ragazzi durante la proiezione e il successivo dibattito.

20 ottobre, 2019

Ringraziamenti


Il 6 Ottobre 2019 si è conclusa la Settimana di Astronomia a Todi unitamente al XXVII Convegno Nazionale del GAD (Gruppo Astronomia Digitale) svoltosi all’interno della manifestazione. La parte destinata a insegnanti e studenti si è tenuta presso l'aula magna, mentre il GAD presso il teatro dell'Istituto, il tutto suscitando notevole entusiasmo e curiosità.

Un doveroso ringraziamento va al Dirigente Scolastico prof. Marcello Rinaldi per aver permesso lo svolgimento dell'evento mettendo a disposizione la struttura e il personale.


Ammirevole la costante collaborazione di Gilberto Santucci che ha sostenuto con dedizione sia la fase preparatoria che quella esecutiva/organizzativa; un grazie anche a tutto il personale della scuola per la disponibilità sempre mostrata.

Altro ringraziamento è dovuto al COTA (Gruppo Radioamatori Carabinieri), in particolare al responsabile regionale Marco Ceccomori, che è stato presente tutta la settimana insieme ai soci intervenuti, per aver messo a disposizione il proprio tempo e le attrezzature di telecomunicazione.

Ovviamente un sentito grazie al sig. Claudio Lopresti dell'organizzatore del GAD che, avvalendosi della sua esperienza più che trentennale, ha proposto i relatori di rilievo che si sono alternati nella trattazione degli argomenti di importante valore scientifico previsti dal programma.

AAU
Associazione Astronomica Umbra
La Segreteria


La riuscita della manifestazione riporta alla memoria tutte le altre simili manifestazioni da noi curate in collaborazione con il GAD; in particolare ci piace ricordare la settimana dell’Astronomia di 15 anni fa, in cui la presenza di due grandi personaggi che non sono più con noi, Halton Arp e John Dobson (quest’ultimo per la prima e unica volta in Italia), hanno regalato un contributo unico e difficilmente ripetibile.  Link alla pagina

03 ottobre, 2019

Immagini Settimana dell'Astronomia a Todi

Settimana dell'Astronomia a Todi
Istituto Agrario "Ciuffelli-Einaudi"

L’Istituto Agrario Ciuffelli è la scuola di agricoltura più antica d'Italia, fondata nel 1864. Il complesso scolastico che ospita l'Istituto è il Monastero di Montecristo, situato a ridosso della cinta muraria della città di Todi, in provincia di Perugia.

Ricordiamo che la nostra associazione vanta con l'Istituto Agrario un rapporto di collaborazione più che ventennale, infatti già nel lontano 1998 abbiamo effettuato una simile manifestazione.

La manifestazione è stata suddivisa in due parti: la prima, dal lunedì al venerdì, nell'aula magna con una serie di conferenze indirizzate agli studenti dell'istituto; poi il venerdi, sabato e domenica, nel teatro interno, con altre conferenze organizzate dal sig. Claudio Lopresti del gruppo GAD (Gruppo di Astronomia Digitale).
Durante la prima parte sono state diverse discipline scientifiche: astronomia, astronutica, geofisica, scienza e pseudo scienza, fisica delle partecelle. Nella seconda parte l'organizzazione del GAD ha trattato in prevalenza argomenti specifici di esperienze dirette dei relatori stessi.

PRIMA GIORNATA
30 settembre 2019


Il prof. ROBERTO NESCI, per lungo tempo docente di astrofisica alla Sapienza di Roma,  con dovizia di particolari ha aperto la prima giornata ricordando lo sbarco dell'uomo sulla Luna.

Alcune immagini







Radioamatori
Durante la manifestazione è stata installata sotto la terrazza dell'Istituto una stazione radioamatoriale grazie al gruppo COTA (Associazione Radioamatori Carabinieri); questo ha permesso, insieme agli studenti, di effettuare collegamenti radio, sia a livello locale che internazionale. Successivamente agli studenti è stata illustrata l'importanza operativa dei radioamatori in vari settori e l'indispensabile contributo nel caso di emergenze per calamità naturali.

Alcune immagini




SECONDA GIORNATA
1 ottobre 2019


Sono intervenuti i sig.ri Giancarlo Monachesi e Marco Cattaneo dell' INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) che hanno spiegato come si svolge l'attività nella sala di controllo di Ancona. Successivamente hanno illustrato cos'è un terremoto, sfatando varie credenze e convinzioni errate su come esso si verifichi e su come correttamente ci si debba attivare durante l'evento.






TERZA GIORNATA
2 ottobre 2019


Il CICAP (Comitato Italiano delle affermazioni sulle Pseudoscienza) è nato nel 1989 per iniziativa di Piero Angela e di un gruppo di scienziati e intellettuali con l'obbiettivo di diffondere la mentalità scientifica e lo spirito critico.
Il prof. Allegrucci Stefano ha presentato e spiegato ai ragazzi come opera il CICAP, come intervenga quando si diffondono notizie in campo medico, alimentare, economico e storico prive di un effettivo riscontro scientifico.





 Gruppo COTA

 

QUARTA GIORNATA
3 ottobre 2019

La prof. Simonetta Ercoli ha fatto una breve ma importante presentazione storica sull'evoluzione e la rappresentazione del cielo da parte delle varie antiche civiltà nel corso del tempo.
 





Gruppo COTA


QUINTA GIORNATA
4 ottobre 2019


E' stato ospite per la prima volta  il dott. Roberto Ferrari, fisico sperimentale di INFN (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare), membro dell’esperimento ATLAS al CERN di Ginevra. Il suo intervento ha suscitato molto interesse sia da parte degli studenti che degli insegnanti. 







Gruppo COTA



 GAD
(Gruppo Astronomia Digitale)
4/5/6 ottobre 2019

Prima Giornata  

Le conferenze si sono svolte presso il teatro dell'Istituto con la partecipazione di 12 relatori che hanno dato un importante contributo informando sulle molte novità dei rispettivi settori.

Ha aperto la manifestazione e dato inizio ai lavori l'organizzatore principale, il sig. Claudio Lopresti.  E' stata la XXVII edizione del GAD dal lontano 1992: in ognuna di esse importanti sono stati i contributi apportati per la presenza costante di professionisti di alto livello nei vari rami scientifici, in particolare modo in quello dell'astronomia.




















Pranzo


8




Vi





Pomeriggio
5 ottobre



Occorre 

























GAD
Seconda Giornata