mercoledì 21 agosto 2013

Cometa ISON

ison

 

La Cometa Ison è in viaggio per la prima volta verso il sistema solare interno, dopo essere partita dalla nube di Oort, una grossa fascia di oggetti ghiacciati che orbitano ben al di là di Nettuno. Al momento, la cometa promette spettacolo, ma da qui al 28 novembre potrebbero cambiare molte cose

Agosto-novembre 2013

A partire dal mese di agosto, gli astronomi saranno in grado di osservare la cometa dalla Terra attraverso i telescopi. Dai primi di giugno a fine agosto, Ison sarà dietro il sole per un ipotetico osservatore presente sulla Terra quindi non potrà essere osservata facilmente.

Settembre 2013

Ma dal mese di settembre, la cometa sarà visibile all'alba dall'emisfero sud anche con un binocolo.

17 settembre – 15 ottobre 15 2013

La mogolfiera Brrison sarà inviata a un'altezza di circa 37 km dalla superficie terrestre. Da lì osserverà meglio Ison senza ostacoli da parte dell'atmosfera terrestre.

Ottobre 2013

Curiosity e Opportunity potranno vedere Ison a ottobre, a partire dal primo giorno del mese, visto che la cometa allora sarà sempre più vicina a Marte. Dal 10 ottobre essa sarà inoltre osservata dallo strumento della Nasa Stereo-A. A quel punto la cometa sarà a circa 150 milioni di km di distanza dal sole. Nel frattempo Hubble effettuerà altre osservazioni per fornire nuove stime sulla dimensione del nucleo e sulla sua composizione, nonché per individuare eventuali frammenti che si sono staccati dalla cometa.

Novembre 2013

Tra il 16 e il 19 la Cometa Ison sarà visibile da Messenger, lo strumento all'opera su Mercurio. L'approccio più ravvicinato sarà il 19 novembre. Una volta che la cometa avrà oltrepassato Mercurio, raggiungerà il punto più pericoloso del suo viaggio. L'intensa radiazione del sole farà sì che il materiale superficiale della cometa evapori rapidamente. Inoltre la stessa pressione delle particelle solari sulla cometa potrebbe disintegrarla. Tutti gli occhi dei telescopi, spaziali e terrestri, saranno allora puntati su di lei. Se sara riuscita a sopravvivere a quella fase, Ison sarà ancora più vicina al Sole.

21-30 novembre 2013

A partire dal 21 novembre, la cometa Ison sarà ben visibile ad occhio nudo e sarà osservata dalSolar Dynamics Observatory che solitamente studia il Sole. Lo strumento potrà vedere la cometa per qualche ora intorno al perielio.

Dicembre 2013 - Gennaio 2014

Se la cometa riuscirà a sopravvivere al suo viaggio intorno al sole, c'è una buona probabilità che essa sia incredibilmente luminosa e facilmente visibile ad occhio nudo nell'emisfero settentrionale. Nei primi giorni di dicembre, essa si vedrà al mattino, in basso sull'orizzonte, in direzione est-sud-est. Tra la fine di dicembre e l'inizio di gennaio essa sarà visibile per tutta la notte.

Nessun commento:

Posta un commento